5 COSE CHE PROBABILMENTE NON SAPEVI SUL PIU’ GRANDE GENIO ITALIANO

 

Ingegnere, Inventore, Anatomista, Artista, Progettista, rappresentò a pieno lo spirito della sua epoca: il Rinascimento.

Di chi stiamo parlando?

A 500 anni dalla sua morte, vogliamo celebrare il genio di Leonardo Da Vinci con 5 CURIOSITÀ che riguardano Lui e le sue opere.

LA GIOCONDA

Mgiocondaolti credono che la Gioconda sia stata rubata dai francesi.

In verità, fu proprio Leonardo stesso a portare l’opera in Francia, precisamente nel 1516, quando molto probabilmente fu acquistata da Francesco I, Re di Francia dal 1515 fino alla sua dipartita.


Altra curiosità è che più di 300 anni dopo, la Gioconda fu rubata.

Esattamente, avete capito bene! Nella notte tra domenica 20 e lunedì 21 agosto 1911, il quadro scomparve dal Museo del Louvre, dove era esposto.

In seguito all’interrogazione di molti artisti e poeti dell’epoca tra cui Pablo Picasso, emerse come colpevole l’italiano Vincenzo Peruggia. Obiettivo di Perruggia era riportare il quadro in Italia e rivenderlo per qualche lira alla Galleria degli Uffizi.

Un’impresa ardua… ma almeno ci ha provato!

 

IL CARRO SEMOVENTE carro semovente

Questo progetto, il cui schizzo è conservato all’interno del Codice Atlantico, è da considerarsi come la base primordiale dell’automobile moderna.

Vuoi ammirare la “macchina” di Leonardo Da Vinci? Una ricostruzione fedele del progetto può essere visionata al maniero Clos-Lucè in Francia.

 

anatomista

UN ANATOMISTA SOLITARIO? 

Per i suoi studi di anatomia, Da Vinci sezionava cadaveri di criminali o di morti ospedalieri, ma non lavorava di certo solo!

Il Genio collaborava infatti con chirurghi e medici dell’epoca. L’analisi partiva dal cranio, considerato come “il punto di incontro di tutti i sensi, nonché la sede dell’anima”, per poi passare allo scheletro e alle ossa in quanto elementi portanti della “macchina umana”.

Gran parte dei suoi studi a riguardo sono raccolti all’interno del Codice Widsor.

 

COMPARSA VIDEOLUDICA assassin's creed

Oltre che protagonista di un’epoca e pioniere delle successive, il nostro Leonardo ha fatto la sua comparsa nel mondo dei videogiochi!

Nella saga videoludica di Assassin’s Creed, infatti, Da Vinci aiuta il protagonista Ezio Auditore, ormai orfano dei genitori, fornendogli un deltaplano primitivo per una missione di spionaggio e una lama celata con una pistola rudimentale integrata.

 

A cura di Gabriele Bellomo

 

 

 

 

Gli articoli più letti dell'ultimo mese: