Sara Safe Factor: in strada e in pista vincono le regole – Evento al Museo dei Motori

Sara Safe Factor fa tappa a Palermo: la guida responsabile si impara con un pilota pluripremiatolocandina

Il Sara Safe Factor è un tour nelle scuole superiori di tutta Italia che nasce dall’impegno di Sara Assicurazioni – Compagnia Assicuratrice ufficiale dell’ACI – per la sicurezza stradale e vede coinvolti in prima linea ACI Sport e l’Automobile Club di Palermo. Un progetto educativo e di sensibilizzazione che, per il suo elevato valore sociale, ha ottenuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Per il 13° anno consecutivo, dunque, il Sara Safe Factor mette in pista i ragazzi per sensibilizzarli a una guida più sicura e responsabile, attraverso le testimonianze avvincenti e i preziosissimi consigli di piloti del calibro di Andrea Montermini. Confermata anche la partnership con Ready 2 Go, il network di Scuole Guida della Federazione ACI che, grazie ai simulatori presenti in numerose tappe, permette ai ragazzi di sperimentare quanto appreso durante la lezione, contribuendo a formare una nuova generazione di guidatori attenti e consapevoli. Il programma di sensibilizzazione presso le scuole rientra, pertanto, tra le iniziative istituzionali perseguite dall’Automobile Club di Palermo a sostegno della sicurezza ed educazione stradale verso i giovani.

Giovedì 19 Aprile il Sara Safe Factor si ferma a Palermo: l’incontro si svolgerà a partire dalle ore 09:30 presso il Museo dei Motori del Sistema Museale dell’Università di Palermo, in Viale delle Scienze, ed.8. Circa 250 studenti universitari e di alcuni Istituti scolastici incontreranno Andrea Montermini, che li intratterrà con le regole base della guida sicura: dalla corretta posizione di guida a come si impugna il volante o si regola il poggiatesta, a come si esegue una frenata di emergenza o si controlla una curva malriuscita. Interverranno all’incontro anche il Presidente ACI Palermo Dr. Angelo Pizzuto e per Sara Assicurazioni il Sales Manager Dott. Salvatore Tornambe’.

 

Gli articoli più letti dell'ultimo mese: